INAUGURAZIONE DEL CORTILE INTERNO, VIA AURELIANA, 50

 

Mercoledì 28 novembre 2018 – ore 17,00

INAUGURAZIONE DEL CORTILE INTERNO

 

Presiede la cerimonia

Mons. Gianrico RUZZA, Vescovo Ausiliare Settore Centro della Diocesi di Roma

Ringraziando per la genersità dei parrocchiani che hanno reso possibile la realizzazione di questo progetto, vi invitiamo numerosi a partecipare.

Seguirà buffet e animazione a cura delle classi di catechismo

REQUIEM K626

Requiem K626 – W. A. Mozart, Un concerto per la Commemorazione di tutti i defunti

Il 2 Novembre, alle 20,30, la basilica Parrocchiale di San Camillo  de Lellis agli horti sallustiani in Roma, ha ospitato un concerto che ha visto la partecipazione di numerosi parrocchiani del quartiere sallustiano. Alla serata erano presenti Mons. Gianrico Ruzza, Vescovo ausiliare de settore centro per la diocesi di Roma e Segretario Generale del Vicario di Sua Santittà e il Superiore Provinciale della Provincia Romana dei Camilliani, P. Antonio Marzano.

Paolo De Matthaeis e la Cappella Musicale Costantina hanno riconsegnato il capolavoro di Mozart nella consueta freschezza interpretativa mettendo in campo un’orchestra completa di circa ottanta musicisti.

L’Orchestra e il Coro assieme ai Pueri Symphonici di Lorenzo Lupi e al Coro Ali di Bambù di Francesca De Pascale si sono esibiti in un concerto straordinario con l’esecuzione del Requiem K626 e di alcune Sonate da Chiesa del famoso compositore salisburghese, eseguite da Oliver Gruda all’Organo storico costruito nel 1910-11 da Carlo Vegezzi-Bossi su progetto dell’organista Filippo Capocci e che fu donato da Margherita di Savoia.

Emozionante, a fine concerto, l’interpretazione dell’Ave Maria di Caccini.

Un doveroso ringraziamento va a Rita Spoto e Carla Di Maria, promotrici di questo evento..

GUARDA LA FOTOGALLERY

CATECHESI DEL GIOVEDI’

“Il rimedio della memoria consiste nel riportare alla consapevolezza della comunità il momento fondativodell’annuncio del Vangelo. La riconciliazione si concretizza invece nel mettere al centro della nostra vita comunitaria il Crocifisso Risorto. Nel creare comunità fatta non solo “da quelli che ci scegliamo noi perché ci sono affini o perché abbiamo condiviso uno specifico cammino di fede, ma quella  formata da tutti quelli che il Signore ci dona, ci mette a fianco, come nel caso della parrocchia: sensibilità diverse, esperienze diverse, provenienze diverse, ma tutti accomunati dalla celebrazione dell’unica eucarestia”

(cardinal. Angelo de Donatis)

Attraverso una serie di incontri, anche noi, in sintonia con il programma pastorale della diocesi di Roma, vogliamo fare un cammino di riscoperta del percorso spirituale e pastorale della nostra parrocchia negli ultimi 50 anni.